• info@ilronzio.it

La sciamatura

Lo sciame, che cos’è?

Lo sciame è il modo naturale che le api usano per riprodursi.
La vecchia regina viene invitata a lasciare il nido dalle operaie che non avvertono più la sua forza. La regina con alcune api operaie adulte esce dall’arnia per cercare una nuova dimora, lasciando nella vecchia le api giovani e la nuova regina che sta per nascere.

Lo sciame d’api uscito da nido, si posa per qualche giorno nelle vicinanze dell’alveare in cerca di una dimora definitiva mandando in perlustrazione alcune delle sue bottinatrici più esperte. Lo sciame si presenta come una ‘palla di api’ appesa ad un ramo o a una protuberanza.

Diverso invece il nido di api, magari nel cassettone della serranda o in una cavità. In questo caso le api sono arrivate già da qualche tempo e stanno costruendo la loro dimora definitiva.

Quanto è grosso uno sciame di api?

La dimensione varia dalla stagione e dalla forza della regina vecchia uscita dall’alveare. Normalmente assomiglia ad un grappolo di una ventina/trentina di centimetri e conta qualche migliaio di api. In questa fase di “attesa” le api sono particolarmente mansuete, anche se per sicurezza e meglio non avvicinarsi troppo.

sciame su albero di ciliegio

Il nido invece, può contare decine di migliaia di api con favi di cera costruiti. Le api in questo caso sono decisamente più irritabili, meglio mantenere le distanze fino all’arrivo di un apicoltore esperto.

Ma sono Api o Vespe?

I nidi delle vespe sono rotondi e grigi e il numero di individui è decisamente inferiore. Prima di chiamare un apicoltore assicurati di avere a che fare con api e non con le vespe.

Il servizio di recupero è gratuito?

Normalmente si, ma non sempre. Il recupero di sciami e nidi è un’operazione delicata, spesso richiede molto tempo, esperienza, professionalità e costi spostamento.

Uno sciame dopo il recupero non è automaticamente una nuova famiglia produttiva. Spesso necessiterà di interventi e lavoro ulteriore per rinnovare la famiglia e comporta una serie di rischi sanitari legati alle malattie di cui potrebbero soffrire quelle api.